Usa. Dzhokhar Tsarnaev condannato a morte per l’attentato di Boston

Boston, 16 maggio 2015 – Si è conclusa con una condanna a morte per iniezione letale il processo contro Dzhokhar Tsarnaev, 21 anni, di origini cecene, l’uomo che il 15 aprile del 2013, insieme al fratello maggiore Tamerlan, poi morto in uno scontro a fuoco con la polizia, compì il tragico attentato di Boston mentre si disputava una maratona, facendo esplodere due ordigni artigianali che causarono la morte di 3 persone, ferendone almeno altre 264.

[easy_ad_inject_1]La giuria popolare del Massachussets, composta da 12 giurati, dopo oltre 14 ore di Camera di Consiglio nella Corte Federale di Boston hanno decretato la condanna dell’uomo che all’epoca dei fatti aveva soltanto 19 anni e che ha ascoltato in silenzio la sentenza che lo ha condannato a morte.

A nulla sono valse le attenuanti della giovane età e del fatto che sarebbe stato influenzato dal fratello maggiore. La sentenza è stata esemplare per una strage che resta ancora nel cuore e nella memoria degli americani, con quelle due deflagrazioni che hanno tuonato ad una distanza di 550 piedi (170 m).

Una strage avvenuta in diretta, quella della storica maratona di Boston con le telecamere che in circa 12 secondi hanno registrato le due esplosioni, la prima fuori del negozio Sport Marathon al numero civico 671 di Boylston Street, e la seconda a circa un isolato più lontano, a ovest, dalla linea del traguardo.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *