Varese. Sanità: buco da 2,5 milioni euro per mancata riscossione dei ticket ospedalieri

Varese, 19 febbraio 2016 – Negli ospedali della provincia di Varese solo un cittadino su tre pagava il ticket per il pronto soccorso con “codice bianco”, quelli per i casi non gravi e non urgenti. E’ quanto emerge da un’indagine della Guardia di Finanza di Varese che ha scoperto un ammanco di 2,5 milioni di euro nei pagamenti dei ticket ospedalieri in ben nove ospedali. Un notevole danno erariale per le casse della Regione.

I ticket sanitari da 25 euro per le visite con codice bianco nei pronto soccorso di Varese non sarebbero stati riscossi. L’indagine delle fiamme gialle, che ha riguardato le prestazioni erogate dal 2003 al 2014, ha portato alla segnalazione di 38 dirigenti ospedalieri alla Procura Regionale presso la Corte dei Conti di Milano.

Dall’indagine, svolta su prestazioni erogate pari a circa 200.000 accessi in pronto soccorso con “codice bianco” in 11 anni, sarebbe emerso che solo un cittadino su tre pagava il ticket da 25 euro e che l’amministrazione pubblica sarebbe stata troppo lenta nella riscossione dei ticket.

Da quanto si apprende, sembra inoltre che la guardia di finanza abbia accertato che non solo i pazienti arrivati con codice bianco ai pronto soccorso non pagavano il relativo ticket, ma che in alcuni casi si avvalevano anche di esami strumentali e di servizi ambulatoriali senza pagamento anticipato di un ticket, in questo caso, più oneroso.

Al termine dell’indagine delle fiamme gialle, la Procura Regionale della Corte dei Conti di Milano ha aperto una vertenza per verificare il danno erariale segnalato.

Autore: Mena Cirillo

Appassionata di divulgazione dal 2001 al 2009 ho collaborato con la testata giornalistica Salus.it e dal 2009 al 2011 con Italia News. Per contattarmi: notizie@notiziefree.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *