Vittorio Sgarbi ad Expo: “soldi pubblici buttati inutilmente. Dov’è Cantone?”

Roma, 24 giugno 2015 – Vittorio Sgarbi, famoso critico d’arte e storico dell’arte, ha lodato le iniziative private a sostegno dell’arte come nel caso della mostra da lui allestita all’Expo di Milano dal titolo ‘I Tesori d’Italia’ e finanziata da Oscar Farinetti e al contempo si è scagliato contro quelle iniziative pagate con soldi pubblici considerate inutili.

[easy_ad_inject_1]”Sono opere sostanzialmente non necessarie e si poteva risparmiare denaro” ha detto Sgarbi riferendosi come esempio a Palazzo Italia e alle istallazioni di Dante Ferretti a Roma “Invece lo Stato ha buttato soldi per una cosa che va bene per un film ma non qui. Cosi’ Expo diventa il posto dove l’Italia mostra cose insensate perché se hai Caravaggio non si capisce perché mostri Ferretti. Invece qui c’e’ un privato che mette soldi per fare questa mostra piena di capolavori e Cantone indaga”.

Il riferimento è all’indagine del presidente dell’Anticorruzione Cantone sulla presenza di Farinetti e Eataly a Expo: “Il signor Cantone – ha continuato Sgarbi – non ha vinto quell’incarico per concorso, ma e’ stato prescelto da Renzi come Sala ha fatto con Farinetti perché aveva dei requisiti particolari. Qui sono stati spesi 100 milioni per il padiglione Italia che e’ un vero cesso, soldi buttati anche per Celant e Rampello che ha un padiglione che si chiama zero perché tale e’ la sostanza di quello che rappresenta, e dov’e’ Cantone?”.

[easy_ad_inject_2]

Autore: Vincent Dimaggio

Le mie ultime notizie. Sono un news blogger appassionato di notizie e sono l'autore di questo sito web. Dal 2001 ho collaborato con numerosi siti di divulgazione e informazione sia generalista che di settore.. Per qualsiasi informazione o se vuoi aiutarmi a far crescere questo sito contattami su notizie@notiziefree.it