WFP: situazione umanitaria critica per gli sfollati iracheni

Baghdad, 27 gennaio 2015 – La situazione umanitaria degli iracheni sfollati recentemente nei governatoratori meridionali di Najaf, Kerbala e Babel sta raggiungendo livelli critici, secondo le verifiche del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP). Il WFP assiste 50.000 famiglie sfollate a Basrah, Thi Qar, Qadissiya, Missan, Wassit, Muthanna, Najaf, Kerbala e Babel.
“Nonostante i pericoli e le sfide nell’accedere a quest’area, il WFP è stato presente nell’Iraq meridionale e centrale dall’inizio della crisi nel paese nel 2014”, ha detto Jane Pearce, rappresentante e direttrice WFP in Iraq. “Ringraziamo i governi locali di Najaf, Kerbala e Babel per la continua cooperazione con il WFP nell’alleviare le sofferenze degli iracheni sfollati, aiutandoci a portare loro cibo”.

Molti sfollati ora vivono in edifici pubblici vuoti, o in moschee come quella di Husseineyar che le autorità locali hanno messo a disposizione o sono ospitati dalle comunità locali. La maggior parte delle famiglie trasferitesi nell’area ha detto di aver speso tutti i pochi risparmi per arrivare sin lì. Molti di loro non sono riusciti a trovare riparo nell’ affollata regione settentrionale del Kurdistan iracheno, che ospita quasi il 50 per cento delle famiglie sfollate, mentre altri hanno detto che vivere a nord costa troppo.

Lo staff del WFP ha incontrato molte famiglie sfollate che hanno difficoltà a dare da mangiare ai loro cari o non sanno come procurarsi il necessario. Najat Hussein, 36 anni e madre di 6 figli, ha perso il marito sette mesi fa nel conflitto di Tel Afar. Si è trasferita a Kerbala con i suoi figli dopo aver sentito che il governatorato stava aiutando gli sfollati.

“Mi sono trasferita a Kerbala perchè altrove era troppo costoso vivere e avevo bisogno di un riparo per i miei figli. Per noi, il tempo si è fermato. Non c’è lavoro, non ci sono scuole, non c’è futuro”, ha detto al WFP. “Riceviamo le razioni alimentari del WFP ogni mese. Senza, sarei costretta ad elemosinare il cibo”.

Il WFP ha anche incontrato rappresentanti dei tre governatorati meridionali, inclusi il vice responsabile del governatore di Najaf, i capi dei consigli provinciali di Kerbala e il vice governatore di Babel, per discutere l’assistenza alimentare alle persone sfollate. Il WFP fornisce grandi quantità di cibo ogni anno attraverso razioni mensili di farina di grano, olio per cucinare, riso e pasta, per offrire alle famiglie pasti nutrienti. Coloro che sono ancora in movimento ricevono razioni pronte all’uso come cibo in scatola.

“Nell’agosto 2014, il WFP ha stabilito un ufficio a Basrah dedicato al sostegno degli sfollati iracheni nei governatori meridionali. L’ufficio sta esplorando modalità differenti per ampliare l’assistenza alle famiglie sfollate”, ha detto Asif Niazi, coordinatore WFP per le operazioni nel sud.

Nel 2014, Il WFP ha fornito assistenza alimentare in tutti i 18 governatorati iracheni, raggiungendo un totale di 1,4 milioni di sfollati. A novembre, nelle zone settentrionali dell’Iraq, il WFP ha cominciato a distribuire vouchers alimentari alle persone affamate, dando loro la possibilità di scegliere quale cibo comperare. I vouchers alimentari, essendo “spesi” nei negozi locali, sostengono l’economia del luogo, rafforzando i mercati.

WFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *